2022

Ivrea

Ivrea è la Capitale italiana del libro 2022. L’annuncio è stato dato dal Ministro della cultura Dario Franceschini in diretta streaming, su indicazione della Commissione composta da Gerardo Casale, Stefano Eco, Cristina Loglio, Valentina Sonzini, e presieduta da Marino Sinibaldi. Ivrea è risultata la migliore candidatura tra le sedici che sono state presentate, di cui otto giunte in finale. Un traguardo importante che segna l’avvio di una nuova fase per la Città che potrà aggiungere un significativo tassello alla sua storia millenaria: da prima capitale d’Italia con Re Arduino, fino a divenire capitale della tecnologia, dell’innovazione e laboratorio di futuro grazie alla straordinaria esperienza di Camillo e Adriano Olivetti.

2021

Vibo Valentia

E’ Vibo Valentia, in Calabria, la Capitale Italiana del Libro 2021. Scelta all’unanimità dalla giuria, è il primo anno che dopo una competizione fra 23 città, sei finaliste, avviene la proclamazione. Tutte le azioni che si intendono realizzare attraverso il programma “Vibo Valentia capitale italiana del libro 2021”, sono strettamente funzionali allo sviluppo di un sistema urbano di lettura, generando sinergie e nuove opportunità. Saper cogliere con impegno attivo ed entusiasmo un’occasione simile è la priorità che si è prefissa il Sindaco Maria Limardo assieme a una squadra di professionisti, tra cui Piero Muscari scelto proprio dal Sindaco come direttore artistico delle iniziative.

2020

Chiari

Il 18 ottobre 2020 l’allora Consiglio dei Ministri, su indicazione del Ministro Dario Franceschini, nominava la Città di Chiari Prima Capitale Italiana del Libro: un momento di grande gioia, soprattutto dopo tutto ciò che il nostro territorio ha dovuto e sta ancora affrontando a causa della pandemia». Queste sono le parole dell’assessore alle Politiche culturali del Comune di Chiari, Chiara Facchetti, che ha introdotto il ricco calendario di eventi che puntelleranno l’anno di attività della Capitale del Libro.