Un’altra storia di coraggio e di passione a “Vibo capitale italiana del libro 2021”, raccontata in WonderGiusy, un autentico invito alla forza e alla speranza.

Un’altra storia di coraggio e di passione a “Vibo capitale italiana del libro 2021”, raccontata in WonderGiusy, un autentico invito alla forza e alla speranza. Sabato 27 novembre, a Palazzo Gagliardi, ho avuto l’onore e la gioia di presentare il libro autobiografico dell’ex atleta paraolimpica Giusy Versace. Nipote di Donatella e di Gianni Versace, simboli dell’alta moda italiana nel mondo, Giusy Versace nel 2005 ha avuto un grave incidente automobilistico a causa del quale ha subito l’amputazione di entrambe le gambe. Ma non ha mai perso l’audacia e la voglia di mettersi in gioco: Giusy ha trasformato il suo dramma personale nell’inizio di una nuova vita, diversa sì dalla prima, ma non peggiore, né scevra di nuovi sogni e di progetti.

Prima donna nella storia italiana a correre con un paio di protesi in fibra di carbonio, Giusy è divenuta, da atleta paraolimpica nella categoria atletica leggera, campionessa di corsa (sui 100, sui 200 e sui 400 m. ha vinto 11 titoli italiani). Anni fa ha partecipato anche al programma televisivo Ballando con le Stelle, classificandosi al primo posto. Nel 2012 ha vinto il Premio Sportivo Nazionale Valentia. Partecipa regolarmente a programmi televisivi e spettacoli teatrali, per promuovere attraverso lo sport l’inclusione sociale dei bambini affetti da disabilità. Nel 2018 le è stato conferito anche il titolo di “Ambasciatore per la Calabria 2018”. Nello stesso anno è iniziata la sua carriera politica, nella commissione Affari Sociali di Montecitorio con delega del gruppo alle pari opportunità e disabilità. In questo ambito ha presentato una nuova proposta di legge sulla disabilità e lo sport, considerando quest’ultimo un diritto per tutti.

Dopo i saluti del sindaco Limardo, ho fatto partire una bellissima scheda di presentazione che i tecnici di “Vibo Capitale del libro” hanno realizzato con la passione e la competenza che sempre li contraddistingue. E poi Giusy ha raccontato di se stessa, della sua, vita, delle sue “sconfitte” e delle sue affermazioni; dopo il successo di “Con la testa e con il cuore si va ovunque. La storia della mia nuova vita” (il book nel quale ha narrato la sua vicenda personale, ma anche un aspetto più generale, che riguarda tutti coloro che si trovano ad affrontare un grande e difficile mutamento), ecco la sua seconda fatica: la storia di WonderGiusy, la supereroina sempre pronta a levare dai guai chi si trova in difficoltà. Con il suo superudito intercetta le richieste di aiuto, sceglie quali protesi indossare – quelle da ballo, da corsa o da nuoto -, e sorvola la città! Le “sue super-gambe”le permettono, infatti, di volare e di controllare molti altri superpoteri, consentendole  di riscoprire tutte quelle qualità che oltrepassano la sua disabilità.

Un libro illustrato per bambini semplice ma efficace, per insegnare loro a non considerare insuperabili i proprio limiti ma a valutare l’universo possibilità che la vita offre per essere felici. Per questo motivo, a conversare con lei sono stati i bambini e le bambine della scuola elementare De Amicis di Vibo Valentia: in particolare quattro bimbe deliziose hanno letto passi del libro, intrattenendo un pubblico sensibile e attento. A questo pubblico Giusy ha parlato anche del potere del sorriso, raccontando che ognuno ha dentro di sé dei super-poteri, cioè risorse insospettabili cui si può attingere per superare i propri limiti.